Input your search keywords and press Enter.

Avvocato del Foro di Nola aggredito fuori dal suo studio con dei bastoni

Ancora un’aggressione ai danni di un avvocato del Foro di Nola. Il terzo caso in poco più di un mese: dopo l’aggressione dell’avv. Andrea D’Alia subita nel suo studio e dopo le minacce al giudice Valeria Ferraro, anche l’avv. Bruno Parisi è stato percosso nei pressi del suo studio. La denuncia viene direttamente dall’Ordine degli Avvocati di Nola: “nei giorni scorsi, il Collega Bruno Parisi, valente avvocato di lungo corso, di apprezzate e riconosciute qualità umane e professionali, è stato aggredito e percosso, all’uscita dal proprio studio alle ore 21 circa, da due uomini che, armati di bastoni, gli hanno procurato la frattura del gomito sinistro e del mignolo della stessa mano, altresì causandogli vistosi ematomi alle gambe“. Piena la solidarietà dell’Ordine Forense, tramite il suo presidente avv. Domenico Visone:

Manifesto, a nome di tutti i Colleghi, l’assoluta ed incondizionata vicinanza e solidarietà al caro Bruno, invitandolo – ora più che mai – a persistere nella sua attività di avvocato onesto e capace, di diligente ed irreprensibile coadiutore della Magistratura nel settore delle Procedure Esecutive, ambiti nei quali ha sempre mostrato la sua elevata sensibilità di giurista, unita ad una consapevole sensibilità umana, principi con cui ha portato e porta innanzi il proprio lavoro. A nessuno, deve esser consentito di poter pensare di incidere, sul corso della vita di un professionista, facendo ricorso alla violenza più brutale, poiché mai nessuno piegherà la volontà di avvocati, valenti ed onesti come il Collega Bruno Parisi, il cui unico pensiero e fine è quello di servire la Legge, facendolo attraverso un lavoro rispettoso degli altri e rispettoso delle prescrizioni regolanti il convivere civile. Caro Bruno, Ti abbracciamo forte, così come abbracciamo le persone a Te vicine, e Ti chiediamo di essere testimone perenne del valore dell’Avvocatura, opposto al disvalore della violenza e della protervia, la cui punizione affidiamo al lavoro sapiente e meticoloso della Magistratura e delle Forze dell’Ordine, grati del loro appoggio e delle loro capacità.

Appresa la notizia della vile aggressione subita, anche l’ “Unione Italiana Forense -UIF, sezione di Nola”, presieduta dall’avv. Francesco Franzese, ha espresso all’avvocato tutta la propria solidarietà e vicinanza:

L’UIF Condanna, in modo fermo e deciso, il gravissimo episodio perpetrato, ancora una volta, ai danni di un professionista in ragione del proprio ruolo. Auspica che l’intera Categoria ritrovi il senso di unione, a tutela dell’alta e imprescindibile funzione sociale dell’Avvocatura. Sollecita, nuovamente, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Nola, quale rappresentante Istituzionale della categoria, ad indire, nel più breve tempo possibile, una assemblea generale degli avvocati, con contestuale astensione da tutte le udienze, affinché la condanna di tali gesti, ormai non più isolati, sia forte e totalitaria, nonché ad adottare ogni altro provvedimento ritenuto idoneo a riaffermare anche l’importanza e la dignità della funzione dell’Avvocatura nella giurisdizione e nella società.