Input your search keywords and press Enter.

Vietato ancora l’asporto in Campania, resta il delivery con meno restrizioni

Altra ordinanza del governatore De Luca. Nella tarda serata del primo maggio è stata firmata una nuova ordinanza con validità dal 4 al 10 maggio che ha tanto il sapore di apripista per la Fase 2. Tanti i temi trattati, dalla ristorazione fino agli spostamenti (QUI tutte le regole per chi entra in Campania), passando per l’attività motoria.

Ristorazione e commercio

Sono consentite, senza i limiti di orario previsti dall’Ordinanza n.39 del 25 aprile 2020 e senza limitazioni di consegna al di fuori del territorio comunale, le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), con la sola modalità di prenotazione telefonica ovvero on line e consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie nelle diverse fasi di produzione, confezionamento, trasporto e consegna dei cibi e nel rispetto del documento. Resta vietata la vendita con asporto, è consentita inoltre l’attività di commercio al dettaglio di carta, cartone, cartolerie, librerie ed esercizi similari senza i limiti di orario introdotti dalle Ordinanze regionali vigenti sino al 3 maggio 2020.

Attività motoria

E’ consentito svolgere individualmente attività motoria all’aperto, con l’uso obbligatorio della mascherina e in forma individuale o con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, nei pressi della propria abitazione e comunque con obbligo di distanziamento di almeno 2 metri da ogni altra persona- salvo che si tratti di soggetti appartenenti allo stesso nucleo convivente, ovvero di minori o di persone non autosufficienti- nelle seguenti fasce orarie: – ore 6,30-8,30; – ore 19,00-22,00. Non è consentito svolgere attività di corsa, footing o jogging nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico.