Input your search keywords and press Enter.

Arriva l’alta velocità ad Afragola, scontri per l’inaugurazione della TAV

Il 6 giugno il Presidente del Consiglio Gentiloni ha inaugurato ufficialmente la stazione dell’alta velocità di Afragola. Alcuni manifestanti però, al grido di “fuori la mafia dallo Stato“, si sono scontrati con la polizia in piazza Garibaldi, dove partiva il treno che accompagnava giornalisti e personalità ad Afragola. Questa è la quinta inaugurazione, l’ultima si spera, visto che domenica 11 giugno la stazione dovrebbe diventare operativa. Per i prossimi anni il passaggio dei treni ad alta velocità presso la stazione di Afragola sarà ancora a regime ridotto. La stazione dovrebbe rendere più rapido il collegamento che parte da Torino e giunge a Salerno, evitando ai treni diretti a sud di fermarsi nella stazione di Napoli centrale. Per il momento 32 dei 36 treni previsti effettueranno in ogni caso la doppia fermata, prima ad Afragola e poi a Napoli centrale. Secondo le stime degli operatori bisognerà aspettare il 2022 per godere a pieno dei benefici di questa fermata, che rappresenterà lo snodo per dirigersi verso Bari, prossima destinazione dell’alta velocità. Partendo da Afragola il tragitto verso Roma sarà più breve di circa 20 minuti rispetto alla partenza da Napoli centrale. Già disponibili al momento dell’inaugurazione 500 posti auto che potranno diventare 1400 a seguito di lavori di ampliamento già programmati. La speranza dei cittadini è che la stazione riesca anche ad alleggerire la situazione dei pendolari che utilizzano i treni regionali e i collegamenti per l’area nord della città di Napoli.

Marco Sigillo

Classe 1991, laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazioni all’Università Federico II di Napoli. Appassionato di comunicazione e scrittura, collabora con 081news dal dicembre 2015, interessandosi soprattutto di temi di portata nazionale ed internazionale. Giornalista pubblicista dal 2019.