Input your search keywords and press Enter.

6 morti in due giorni, Napoli e provincia temono nuove faide

Notte di sangue quella di venerdì a Napoli, un giovane è stato ucciso a colpi di pistola. Tutto è successo in un pub della frequentatissima zona della Riviera di Chiaia dove, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, un killer mascherato e armato ha fatto irruzione nel locale “La Zingara” con il preciso scopo di uccidere. Ad essere freddato è stato Carmine Picale, 29 anni con precedenti per armi e ricettazione, di San Giorgio a Cremano, colpito al torace, al braccio e avambraccio sinistro. Inutile è stata la corsa all’ospedale “Loreto Mare”, troppo gravi infatti le ferite che hanno portato al conseguente decesso del giovane. Al momento nessuna ipotesi è esclusa. E’ il sesto morto ammazzato nel giro di pochi giorni, una serie delittuosa che si è esaurita in poco più di 48 ore e che ha coinvolto Napoli e provincia (Afragola e Miano). Dopo il duplice omicidio di zio e nipote a Miano sabato pomeriggio sale il timore di una nuova faida camorristica che potrebbe coinvolgere il clan Lorusso, al quale le vittime erano legate.

Vincenzo Persico

Classe 1991, laureato in Economia Aziendale all’Università Federico II di Napoli ed Esperto Contabile. Interessi particolari : sport, politica e soprattutto economia. Si occupa per il giornale, in particolare, di Tributaria ed economia nazionale.