Input your search keywords and press Enter.

Barella in risposta ai 90 mln per Allan: il mercato del Napoli ad un bivio

Il Paris Saint-Germain bussa alla porta del Napoli. Vuole Allan per vincere la Champions, se n’è innamorato per due volte quando lo ha affrontato nella fase a gironi. La società azzurra temporeggia, spara altissimo (valutazione da circa 90 milioni) e intanto dialoga col Cagliari per Nicolò Barella. Non c’è rivalità che tenga nel calcio. Se i due club trovano l’accordo, il giovane centrocampista classe ’97, accetterà volentieri la corte del Napoli. Saranno decisivi i prossimi giorni, potrebbe scatenarsi il classico “effetto domino” oppure, ed è la seconda ipotesi, si resterebbe nel campo delle possibilità, delle voci, dei tentativi che il 31 gennaio, giorno di chiusura del mercato, porterà via con sé.

NON SOLO BARELLA – Il gioiellino del Cagliari è un investimento per il futuro, proprio come Christian Kouame del Genoa, altro ’97, attaccante ivoriano che il Napoli vorrebbe acquistare oggi e accogliere in rosa domani. Ovvero in estate. Poi, in questo tour dei giovani, volgendo lo sguardo al futuro, resta forte l’interesse per Almendra del Boca Juniors (classe 2000) che andrebbe ad affiancare il talentuoso Gaetano, stellina della Primavera, nella schiera dei “millennials” pronti ad imporsi quando sarà arrivato il loro momento. Potrebbe fargli compagnia anche Traoré dell’Empoli e chissà quanti altri baby talenti che la società sta valutando in queste ore, da giorni. D’altronde, per De Laurentiis «il mercato è sempre aperto».

IL CAMPO – La Serie A riprenderà domenica 20 gennaio (c’è la Lazio al San Paolo), il calcio ricomincia molto prima: domenica, sempre a Fuorigrotta, il Napoli ospiterà il Sassuolo per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Sarà gara secca: chi vince va avanti, chi perde saluta la competizione. Ancelotti non avrà Verdi, squalificato, e punterà forte su Koulibaly, Allan e Insigne: i tre saranno squalificati per la prossima di campionato. Sta per ricominciare la stagione, sullo sfondo l’Europa League da vincere e poi le sirene del mercato, assordanti fino a prova contraria.

Fabio Tarantino

Classe 1991, giornalista pubblicista dal luglio del 2014.