20 ottobre 2018
dai COMUNI >

Nola: la Caritas si riunisce in Assemblea

Appuntamento alle 10.30 di sabato 13 con la Caritas di Nola presso il Seminario Vescovile

di Redazione, il 10 Ott 2018 - 11:45
Nola, Eventi -

Sabato 13 ottobre si terrà l’Assemblea della Caritas di Nola. Appuntamento fissato alle ore 10,30, presso il Seminario Vescovile di Nola. Sarà presente anche Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e Presidente della Caritas Italiana, che parlerà sul tema Prendersi cura di chi si prende cura”.

E’ il nome dell’Assemblea della Caritas nolana ed è aperta a presbiteri, diaconi, operatori delle Caritas parrocchiali e dei gruppi caritativi, operatori del Terzo settore e dei servizi pubblici socio-assistenziali. Il programma, inoltre, prevede i saluti iniziali di don Arcangelo Iovino, direttore della Caritas di Nola, Carlo Mele, direttore della Caritas della Regione Campania, e di Lucia Fortini, assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania. A seguire le relazioni del cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente della Caritas Italiana, e di Francesco Marino, vescovo di Nola. Le conclusioni sono affidate a Raffaele Cerciello, vicedirettore della Caritas di Nola.

Al termine dell’incontro mattutino, è previsto il pranzo offerto dai volontari e poi, nel pomeriggio, dalle 14 alle 15.30, i laboratori, con approfondimenti su quattro tematiche: Caritas parrocchiale, aiuto alimentare, Rei (reddito d’inclusione), e violenza domestica. Nell’evento è incluso anche un momento serale che si terrà a Cicciano, alle ore 19, presso il Centro delle Culture: un dialogo con la Caritas di Agrigento sull’attenzione ai giovani a rischio esclusione.

L’appuntamento di Caritas Nola di sabato prossimo – ha dichiarato il vescovo di Nola, monsignor Francesco Marinonon è solo un evento programmatico, cosa in sé già buona. Si tratta soprattutto di una tappa per rimotivare l’impegno della nostra Chiesa per gli ultimi, cioè migranti, disoccupati, emarginati e tutti coloro che sono rimasti indietro e sono indeboliti nella speranza. Nel Vangelo è iscritta chiaramente l’opzione preferenziale per i poveri. Una Chiesa che vuole somigliare al suo Signore, non può non viverla”.

 

 

 

 


×