Input your search keywords and press Enter.

Nola: cena al buio per i bambini dell’Unione Italiana Ciechi

di Francesco Amato Al seminario vescovile di Nola avrà luogo il prossimo 25 maggio l’evento “Cena al buio”. Nella sala del refettorio completamente oscurata, i partecipanti saranno serviti da personale non vedente per vivere un’esperienza unica . Un’esperienza che mette in evidenza il rito simbolico della cena che viene vissuta senza vedere, entrando in contatto con le mani e la voce di chi vive al buio tutti i giorni.
L’intero contributo sarà devoluto all’acquisto di ausili tiflotecnici destinati al sostegno e supporto dell’istruzione ed educazione dei bambini iscritti all’Unione Italiana Ciechi e degli ipovedenti del territorio.
Questo evento rappresenta un’opportunità per comprendere l’importanza dell’essenziale che è invisibile agli occhi.
Questo genere di manifestazioni riscuote generalmente largo consenso poiché le disabilità, spesso aumentate, vengono abbattute invece da persone che dimostrano di saper cogliere più aspetti dell’ambiente che ci circonda di quanto non possa fare qualcun altro.
La cena sarà riservata ad un massimo di 60 partecipanti e la prenotazione è obbligatoria.
Partecipare potrebbe allargare gli orizzonti di molte persone perché, infondo gli occhi sono ciechi, bisogna cercare con il cuore (Antoine de Saint-Exupéry).

Francesco Amato

Classe 1998, studente di Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Salerno. Appassionato di musica, comunicazione digitale e giornalismo. Una frase che lo identifica? "Evito le persone con il punto esclamativo, preferisco quelle con il dubbio"