18 giugno 2018
dai COMUNI >

Manzi: “Concentrarsi sullo sviluppo dei piccoli comuni”

Andrea Manzi, attuale sindaco di Casamarciano, è intervenuto in un convegno a Visciano. Ecco il suo intervento

di Redazione, il 19 Feb 2018 - 14:05
Politica, Agro Nolano -

Quindici milioni di euro per lo sviluppo dei piccoli comuni:  agevolazioni economiche ai loro cittadini e misure per evitare spopolamento ed emarginazione dei paesi. Ne ha parlato, nel corso di un convegno organizzato a Visciano, Andrea Manzi, candidato alla Camera dei deputati per la coalizione di centrosinistra nel collegio uninominale di Nola. Manzi ha fatto il punto sulle problematiche dei piccoli borghi: “La scorsa legislatura si è chiusa con l’approvazione della legge sui centri “minori”; per la prima volta si è approvato un provvedimento legislativo per promuovere lo sviluppo sostenibile, economico e sociale delle comunità al di sotto dei 5000 abitanti,  nell’ottica di combattere lo spopolamento e di migliorare la qualità della vita dei cittadini. Da sindaco di Casamarciano – continua Manzi – tocco ogni giorno con mano le peculiari difficoltà dei piccoli comuni. Ora abbiamo a disposizione un fondo per lo sviluppo strutturale, con 15 milioni annui utilizzabili per il tramite di un piano nazionale per la riqualificazione e dobbiamo essere in grado di utilizzare pienamente nei prossimi mesi.  Da parlamentare mi adopererò per il raddoppio dei fondi annuali in Finanziaria, per rendere finalmente la tutela e  lo sviluppo dei piccoli Comuni, vera priorità nazionale. Carbonara di Nola, Casamarciano, Comiziano, Liveri, San Paolo Bel Sito, Tufino e Visciano potranno, grazie alla legge ed al suo potenziamento,  recuperare appieno i loro centri storici, stipulare con maggiore facilità convenzioni per la salvaguardia  e l’utilizzo di beni culturali di proprietà anche di confessioni religiose. Si potranno avere agevolazioni per la banda larga e la stampa quotidiana, incentivare la produzione a km 0 ed entrare nel novero delle attività di promozione cinematografica del Mibact e della Regione oltre a maggiori risparmi, convenzioni ed agevolazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate e delle Poste”.


×