26 settembre 2017
dai COMUNI >

Denuncia il pizzo ma è costretto a chiudere: la triste storia di un parrucchiere di Napoli

Il parrucchiere Salvatore Castelluccio denunciò il pizzo nel 2015, ora afferma di essere stato abbandonato e di voler lasciare Napoli

di Vincenzo Persico, il 13 Set 2017 - 12:56
Nola, Attualità -

Salvatore Castelluccio, parrucchiere che nel 2015 denunciò alle autorità il pizzo imposto dalla camorra al suo salone nel centro napoletano, ha annunciato nelle scorse ora tramite un video su Facebook di voler lasciare Napoli.

I motivi che lo hanno spinto a prendere una decisione così drastica sono da ricercarsi nell’assenza delle istituzioni e di alcune alcune associazioni del territorio. Castelluccio afferma infatti che “È venuto il momento di lasciare questa città e ringrazio il sindaco di Napoli e gli assessori che mi hanno abbandonato. Li ho visti solo in campagna elettorale, poi sono scomparsi, nonostante le promesse”, mentre le associazioni “si sono avvicinate solo per un loro tornaconto”. Un’altra triste sconfitta, quindi, che si unisce a quella di Ciro Scarciello, il salumiere del quartiere Duchesca che solo pochi mesi fa è stato costretto a chiudere dopo la denuncia in tv dello stato di degrado della zona a seguito di una sparatoria in cui rimase ferita una bambina innocente.

Vincenzo Persico
scritto da

Vincenzo Persico


×