26 settembre 2017
dai COMUNI >

Casamarciano: ring di Muay Thai per dire no al bullismo

Il progetto vuole veicolare un messaggio di non violenza, nella serata del 12 ci sarà l'incontro europeo tra Alexandros Miles ed il campione di casa Salvatore Amoroso

di Redazione, il 12 Set 2017 - 12:32
Casamarciano, Eventi -

Santa Maria del Plesco diventa ring per dire no alla violenza ed al bullismo. A pochi giorni dalla chiusura del festival “Scenari Casamarciano”, che ha portato nella cittadina del Nolano migliaia di spettatori, un altro evento importante riporta l’attenzione su Casamarciano. Il palcoscenico di Santa Maria, su cui tra gli altri si è esibito Raphael Gualazzi, si trasforma in “quadrato” ed accoglie otto atleti esperti nell’arte marziale thailandese del Muay Thai. Martedì 12 settembre sul Belvedere di Casamarciano, dinanzi all’Abbazia risalente all’anno Mille, si svolgerà l’evento sportivo “Muay Thai- The art of fighting” patrocinato dal Comune di Casamarciano che vedrà sul tappeto alcuni dei più interessanti atleti della Campania esperti di questa antica disciplina.

Il Muay Thai, chiamato anche boxe tailandese, risale al sedicesimo secolo e consiste in una rigida disciplina in cui i contendenti utilizzano combinazioni di pugni, calci, gomitate e ginocchiate. A sfidarsi nella cosiddetta “arte delle otto armi” saranno Luigi Lopez e Raffaele Russo (per la categoria dei 63, 5 kg); Giorgio Dell’Aversana e Davide Tanzilli (categoria 74 kg); Andrea D’Avino ed Enzo Ferrante (categoria 81 kg) mentre il main event sarà lo scontro tra Alexandros Miles “Misterius”, lottatore greco, e Salvatore Amoroso “Healer” del team Naresuan.

A promuovere  l’iniziativa è l’associazione sportiva dilettantistica “Muay Thai” di Casamarciano che, con la collaborazione della Pro Loco, del Forum Giovani, dell’associazione “Il bello delle donne” e dei promotori del progetto “Hope” ha deciso di dare alla manifestazione un significato che va ben oltre l’agonismo. Prima degli incontri, che inizieranno alle 19,30, sarà infatti presentato il progetto che mira a diffondere la cultura della non violenza e della lotta al bullismo, alla violenza contro le donne ed all’omofobia. Un messaggio importante rivolto soprattutto ai più giovani che potranno anche avvicinarsi a questa peculiare disciplina marziale assistendo agli incontri che saranno supervisionati da una giuria tecnica cui spetterà decretare il vincitore.

Il clou, fissato per le 22,30, sarà il confronto europeo tra Milos ed il campione di casa Salvatore Amoroso, 29enne di Casamarciano allievo del maestro Aldo Chiari e tra i più promettenti fighetr del territorio.


×